BASEC: Inoltro di eventi di sicurezza alle commissioni etiche tramite il nuovo apposito modulo sulla sicurezza: ‘safety form’

06.06.2018

Il portale online BASEC (Business Administration System for Ethics Committees) per l'inoltro di progetti di ricerca presenta una novità: è ora disponibile un apposito modulo (‘safety form’) dedicato all’inoltro di eventi di sicurezza alle commissioni etiche svizzere.

A partire dall’11 giugno 2018, tutti gli inoltri di eventi di sicurezza (SE/SAE, SUSAR, DSUR/ASR, notifiche urgenti e altre notifiche di sicurezza) alle commissioni d’etica devono essere effettuati esclusivamente tramite il nuovo ‘safety form’. Ciò include anche l’inoltro di documenti che contengono informazioni che rivelano l'assegnazione del trattamento in un progetto di ricerca in doppio cieco. L’inoltro di documenti di sicurezza per posta elettronica o tramite il modulo principale per la sottomissione di progetti di ricerca non è più accettato.

Consultate il seguente documento informativo (FAQ) per informazioni più dettagliate su come utilizzare il nuovo ‘safety form’. Ulteriori informazioni sono disponibili direttamente nel portale BASEC.

Il nuovo ‘safety form’ per l’inoltro di documenti di sicurezza ha diversi vantaggi, tra gli altri:

  • ­Un modulo di sicurezza unico per progetto, utilizzato per la notifica di tutti i documenti di sicurezza di quel specifico progetto.
  • Il ‘safety form’ non viene bloccato dopo l'inoltro di un nuovo documento. In questo modo è possibile effettuare più inoltri paralleli, senza alcun vincolo per i ricercatori, anche durante l'esame dei documenti da parte della commissione etica.
  • Il ‘safety form’ può essere controllato e gestito da un'altra persona o da un altro gruppo (ad esempio, la farmacovigilanza) diverso dal titolare del modulo principale per la sottomissione di progetti di ricerca. Questo consente l’inoltro di documenti di sicurezza che contengono informazioni che rivelano l'assegnazione del trattamento in un progetto di ricerca in doppio cieco, senza rivelare il trattamento a persone non autorizzate.
  • ­L'accesso alle singole schermate del ‘safety form’ (SE/SAE, SUSAR, ...) può essere gestito individualmente per ogni progetto dal titolare del ‘safety form’.
  • ­Semplici e strutturate schermate e sezioni consentono al titolare del ‘safety form’ di tenere traccia dei documenti di sicurezza e delle versioni (documento iniziale, follow-up) inoltrati nel corso del progetto di ricerca.